Parte 3 | Preparare i miei approcci – Creare le mie prime campagne

Published by Margot on

43 minutes

Qual è la differenza tra messaggio e connessione su LinkedIn?

Le funzionalità di LinkedIn sono numerose. Se sei un po’ perso, non farti prendere dal panico. Oggi, ci concentriamo sulle funzioni “messaggio” e “connessione” per spiegare tutte le differenze 😉

La funzione di connessione di LinkedIn

Inviare una richiesta di connessione su LinkedIn è come inviare un invito. Per farlo, dovete cliccare sul pulsante “” accedi“. Demande invitation sur le réseau pro Inviando una richiesta di connessione su LinkedIn, chiedete poi alla persona di unirsi alla vostra rete inviandole un invito. Se quella persona accetta, diventerà una relazione di alto livello. Come promemoria, una relazione di alto livello significa che siete collegati con la persona perché avete accettato un invito o, viceversa, perché loro hanno accettato il vostro. Per inviare richieste di accesso, puoi anche passare attraverso la pagina di ricerca. Ma, è molto più rilevante per voi per inviareautomatico inviti LinkedIn attraverso ProspectIn. Demande de connexion depuis LinkedIn people page Quando si invia un richiesta di invito LinkedIn, è possibile aggiungere una breve nota fino a 300 caratteri. Lo scopo di questa nota è quello di dire di più su di te e quindi aumentare le possibilità che il tuo contatto accetti il tuo invito. Puoi poi aggiungere un messaggio, una frase ad effetto o, perché no, una citazione? Fate spazio all’originalità e soprattutto alla personalizzazione, è la vostra migliore possibilità di ottenere una risposta positiva. Abbiamo pubblicato un articolo per scoprire cosa si dovrebbe scrivere in una nota di LinkedIn. Una nota è molto diversa da un messaggio, poiché la nota apparirà in “Rete” e poi in “invito”. Note invitation linkedin Un messaggio apparirà nella casella di posta del tuo potenziale cliente. Una volta che la persona ha accettato il tuo invito, allora potrai inviarle un messaggio. Ce l’hai, non sarai in grado di inviare un messaggio se non sei connesso con la persona.(A meno che non siate LinkedIn premium e usiate la funzione inmail) Funziona allo stesso modo con ProspectIn. Non sarà possibile inviare un messaggio se non si è connessi con la persona in primo luogo.

La funzionalità dei messaggi di LinkedIn

Questa funzionalità è disponibile solo quando sei loggato con una persona. Cioè quando è nella tua rete. Puoi quindi inviargli un messaggio e questa volta non sei limitato dai caratteri! Per farlo, vai direttamente al profilo del tuo potenziale cliente e clicca su “Messaggio”. envoyer un message sur LinkedIn Potete anche inviare un messaggio dalla vostracasella di posta LinkedIn. Troverai un’icona in alto a sinistra che ti permetterà di creare un nuovo messaggio. Appena sopra la barra di ricerca dei messaggi. In alternativa, hai anche il collegamento al tuo account di posta elettronica che ti permette di rispondere e creare un nuovo messaggio. Il vantaggio di un messaggio è che si è completamente liberi nel numero di caratteri e caratteristiche. Immagine, allegato, gif e scorciatoia emoji, troverai tutto ciò di cui hai bisogno! 😊 Icone messagerie linkedin Abbastanza per personalizzare i vostri messaggi come volete. Niente parla più forte delle immagini, grazie alle gif. Questo è ciò che Margot, la nostra Customer Happiness Manager, ti offre quotidianamente. Con ProspectIn, ti consigliamo di utilizzare la funzionalità di scenario per automatizzare i tuoi messaggi LinkedIn e risparmiare molto, molto tempo ed energia.

Qual è la differenza tra i due?

Beh, queste sono caratteristiche completamente diverse. Anche se complementare, non potrai inviare un messaggio senza essere collegato in precedenza con la persona. Potrai inviare una nota quando richiedi un invito, ma sarà limitata a 300 caratteri. Non è paragonabile a un messaggio. Ancora meno se vuoi condividere un link al tuo sito o un allegato per una brochure commerciale.


Ora che hai capito la sfumatura tra i due, non farò durare la suspense più a lungo, ci metteremo in contatto con il prospect. Ma come facciamo?


Come posso scrivere la mia nota d’invito o il mio messaggio di prospezione su LinkedIn?

L’utilizzo di ProspectIn permette diautomatizzare l’invio di richieste di connessione su LinkedIn e consente di creare vere e proprie sequenze di prospezione. Lo strumento ti permette di risparmiare tempo prezioso e può fornire risultati molto migliori di campagne di emailing classico, ma i tuoi approcci di prospezione e i tuoi messaggi devono essere ottimizzati. Oggi, torniamo alla base del copywriting e a come convincere per iscritto: come scrivere il tuomessaggiodi prospezione su LinkedIn ?

Copywriting su LinkedIn, kesako?

copywriting è l’arte di scrivere per convincere. Non si tratta della vostra capacità di scrivere pagine sul futuro dell’ecologia, ma di usare tecniche e formule (magiche) per convincere il vostro prospect a usare la vostra applicazione, o a comprare il vostro prodotto o servizio.

Top 5 cose da non fare quando si scrivono i messaggi su LinkedIn

A causa del mio titolo di “Co-Founder” e “COO” su LinkedIn, ho la fortuna (o piuttosto la sfortuna) di essere contattato decine di volte al giorno da persone che non padroneggiano affatto i codici di prospezione e copywriting. Quindi ho una quantità inesauribile di esempi per illustrare le cose da NON fare. 😉

Invia un blocco illeggibile di 1000 parole

Tu non hai tempo, e nemmeno i tuoi potenziali clienti. Unmessaggio di prospezione di1.000 parole non sarà mai letto, quindi spendere tempo a descrivere la vostra azienda o il vostro prodotto in modo lungo e trasversale è inutile. Seriamente, chi vuole leggere un messaggio del genere, ancor più su LinkedIn? 😱 In media, un messaggio di 1.000 caratteri o più riceve la metà delle risposte di un messaggio di 300 caratteri.

Scrivere in maiuscolo

Quando si scrive una parola in maiuscolo, sembra che si stia gridando. Questo dà un tono estremamente aggressivo al tuo messaggio. Non vuoi attaccare la persona con cui stai parlando, vuoi persuaderla. Sarebbe EVIDENTE, vero? 😁 Eppure..

Usa diversi font all’interno del tuo messaggio

Proprio come un messaggio scritto interamente in maiuscolo, un messaggio con diversi font dà l’impressione di essere stato pasticciato. Sembra una bozza. Inoltre, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’uso del grassetto è da evitare. Rende il tuo messaggio completamente innaturale e commercialmente ovvio. Vuoi creare una relazione con il tuo prospect, non apparire come un venditore in modo ovvio. Nella prospezione, la forma è importante quanto il contenuto, il tuo messaggio deve essere ordinato. 👌🏻

Fare errori di ortografia

Sembra buon senso, eppure. Non sto più calcolando il numero di messaggiodi canvassing pieno di errori di ortografia. Di nuovo, la forma è importante quanto il contenuto. Fare 10 errori di ortografia nel tuo messaggio da prospectingLinkedIn mina totalmente la tua credibilità.

Parlare di se stessi, essere troppo vaghi, non usare una chiamata all’azione

Il tuo potenziale cliente non ti conosce. Non conosce i tuoi affari. Non vuole sapere cosa fate. Vuole capire come lo aiuterai con i suoi problemi. Non puoi permetterti di rimanere vago nel tuo approccio, senza call to action, e sperare che abbocchi: Pensi davvero che il tuo potenziale cliente accetterà un incontro solo perché vuoi parlare di “sinergie” tra le tue due aziende? Neanche per sogno. Devi andare dritto al punto, essere più specifico.

Come scrivere un messaggio che vende su LinkedIn

Bene, ora che abbiamo visto le insidie da evitare, saremo in grado di guardare i principi principali e le tecniche che vi permetteranno diottimizzare il vostro messaggio di prospezione su LinkedIn.

La struttura del tuo messaggio

Dovete considerare il vostro messaggio su LinkedIn con una struttura fissa, ogni parte è regolata da codici specifici.

Il tormentone

Il teaser è la prima frase che userete nel vostro messaggio o nota LinkedIn. Dovrebbe essere breve, ma soprattutto dovrebbe portare il destinatario del messaggio a continuare a leggerlo. La frase ad effetto è essenziale: se perdete il vostro interlocutore in questa fase, non importa che abbiate curato il resto del vostro messaggio il più possibile, sarà inutile. Il tormentone in forma di domanda di solito funziona abbastanza bene. Non parli direttamente di te stesso, sei interessato al problema del tuo prospect e cerchi di capire cosa c’è in gioco. Il tormentone dovrebbe quindi sollevare una “pagnotta”, un problema incontrato dal tuo prospect. Ricordate che se non c’è un problema, non c’è una soluzione. 😉 ProspectIn vi permette diautomatizzare l’invio di messaggi su LinkedIn, vi consigliamo di utilizzare parte del tempo così risparmiato per perfezionare i vostri approcci. Non esitate a fare dei test A/B sui vostri messaggi per trovare l’approccio che trasforma meglio.

La tua proposta di valore

La proposta di valore viene subito dopo il gancio. Se usi una domanda nel teaser, la proposta di valore viene dopo il teaser per dare alcune risposte a quella domanda. In una o due frasi al massimo, devi indicare il più chiaramente possibile cosa proponi nella tua attività (B2B, soluzione, servizio, SaaS?…) e come ciò che proponi è coerente con il problema incontrato dal tuo target. Devi dire abbastanza per far sì che il tuo potenziale cliente voglia saperne di più dopo aver letto la tua proposta di valore, visitando il tuo sito web per esempio.

La chiamata all’azione

Ora che hai spiegato come hai proposto il prodotto/servizio X che ha affrontato il problema Y, devi dire al tuo potenziale cliente quali sono i prossimi passi. Per esempio, puoi inviare un link di registrazione, indicare un link al tuo sito web, o suggerire al tuo pubblico target di tornare da te. In generale, è preferibile non superare mai i 500 caratteri nel tuo messaggio. Ricorda che hai solo pochi secondi per catturare l’attenzione del tuo prospect, il cervello umano è fatto in modo da farsi un’idea del potenziale interesse di un messaggio in meno di 2 secondi. È probabile che il tuo messaggio non venga nemmeno letto se è troppo lungo da leggere a prima vista.

Analisi di un messaggio LinkedIn

Usando la struttura di cui sopra, ecco come sarebbe un messaggio di prospezione inviato per promuovere Piwaa, l’ultimo strumento della famiglia Waapi.

  • Il tormentone:

Il tormentone è semplice ed efficace, avrai l’attenzione di tutti i prospect che usano massicciamente la messaggistica di LinkedIn (i grandi utenti di messaggistica sanno quanto sia un PAIN=pain 😜 )

  • La proposta di valore:

La proposta di valore fornisce informazioni sulla natura del prodotto e su ciò che ci si può aspettare da esso.

  • La chiamata all’azione:

La call to action permette sia di indicare i prossimi passi per il tuo prospect, sia di proporre informazioni supplementari se necessario (grazie al link al sito web). In pochi secondi indicate chiaramente quale problema state affrontando, cosa state proponendo e cosa questo implica per il vostrotarget .


Dopo aver letto queste poche righe su come scrivere un messaggio di prospezione, hai due tipi di reazioni possibili.
  • O i tuoi pianeti sono allineati, ti senti creativo e stai già scrivendo i tuoi primi messaggi di prospezione.
  • O hai la sindrome della pagina bianca.
Se sei nella seconda categoria o sei curioso di sapere cosa ha funzionato per noi, ti piacerà quello che segue… 🔥

5 esempi di note d’invito originali per LinkedIn

LinkedIn è il social network per trovare nuovi contatti nel BtoB. L’80% dei lead BtoB generati sui social network sono generati da LinkedIn. Tuttavia, la prospezione non è un esercizio così ovvio e il primo approccio è cruciale! Qui, vi presentiamo 5 esempi di note d’invito originali e qualitative per trovare potenziali clienti su LinkedIn.

5 note d’invito originali per LinkedIn

Il troppo classico, da evitare

Probabilmente hai già ricevuto questo tipo di invito: “Ciao, sono Toinon di ProspectIn. Aiutiamo le aziende come la tua a generare nuovi lead su LinkedIn. Penso che potrebbe interessarti. Mettiamoci in contatto. “Naturalmente, non èquello che suggerisco in questo articolo . Anche se questo approccio può funzionare, offre tassi di conversione molto bassi. Richiede un eccezionale adattamento prodotto-mercato e un eccezionale profilo LinkedIn per funzionare. L’esercizio della nota d’invito, che non è un messaggio, è un esercizio difficile perché è limitato a 300 caratteri. Tuttavia, è decisivo per entrare in contatto con il tuo prospect: se ti rifiuta, non avrai una seconda possibilità. Da qui l’importanza di inviare note di invito originali su LinkedIn.

L’approccio di gruppo

I gruppi di LinkedIn sono una miniera d’oro per la prospezione. Gli utenti si raggruppano su aree di interesse che puoi poi usare per indirizzarli. Abbiamo scritto un articolo su una campagna che ci ha offerto tassi di accettazione superiori al 50% grazie a questo metodo. Riassumerò qui il principio di base con un esempio. Vuoi avvicinare i responsabili del marketing. Unisciti ai gruppi intorno al marketing da una ricerca e poi usa la funzione di esportazione del gruppo attraverso ProspectIn o attraverso un filtro sul Sales Navigator se hai l’opzione Premium. In questo modo puoi provare il seguente approccio: “Ciao {{nome}}, Siamo entrambi membri del gruppo {nome gruppo}}. Come membro di questo gruppo sull’argomento {{gruppo}}, cosa pensi del {{problema che stai risolvendo}}? Sto lavorando sull’argomento e sarebbe un piacere discuterne con te ” Per esempio: ” Ciao John, Siamo entrambi membri del gruppo ” BtoB prospecting: best practices ” Come membro di questo gruppo sulla lead generation, cosa ne pensi del canale di acquisizione LinkedIn e delle best practices su di esso? “Attenzione: i gruppi possono riunire diverse nazionalità e lingue. Se non hai il Sales Navigator per filtrare la ricerca, usa l’inglese.

L’approccio attraverso il percorso universitario

Se sei stato in un’università o in una scuola con una grande rete di alumni, questo approccio è una pepita. Si tratta di contattare gli alumni della tua scuola che sono nel tuo gruppo target di potenziali clienti, mettendo in evidenza il vostro background comune. Si possono usare due metodi: il metodo di follow-up o il metodo diretto. Con promemoria: “Ciao {{nome}}, abbiamo fatto entrambi {{nome della scuola}}. Non era la stessa promozione ma ho pensato che potremmo metterci in contatto ” Rilancio (che puoi automatizzare grazie agli scenari di Prospectin): ” Grazie per avermi accettato nella tua rete {{nome}}, lavoro per {{nome azienda}}, non so se ti interessa ma sviluppiamo {{prodotto}}. È qualcosa che potrebbe essere interessante per le persone della tua azienda? Se vuoi saperne di più ti do il link: {{sito link}} ” Diretto: Ciao {{nome}} , Abbiamo entrambi {{nome della scuola}} fatti. Non era lo stesso ballo, ma ho pensato che potevamo parlare di quello che stavamo facendo, vedere se potevamo aiutarci a vicenda. Per quanto mi riguarda, sto lavorando su {{prodotto}}. Fammi sapere se c’è qualcosa che posso fare per te. ” Naturalmente, questo richiede chegli alumni della tua scuola sono un obiettivo interessante. Tuttavia, non trascurate la forza degli alumni: sono un’importante forza di passaparola e possono sostenervi con persone responsabili nella loro azienda.

L’approccio che rompe i codici

“Ehi {{nome}}} Il tuo profilo ha incrociato il mio cammino durante il mio girovagare quotidiano nelle profondità di LinkedIn. Mi interessa la tua posizione e il tuo grado: cerco di risolvere i problemi degli altri signori della tua professione intorno al {{soggetto}}. Come vorresti parlarne? “Ovviamente questo approccio non si applica a tutti i prospetti : se ti rivolgi ai CEO del CAC40 o ai contabili, otterrai un cattivo affare. Favorite questa nota per un pubblico giovane o se volete dare questa immagine rilassata e divertente, differenziandovi da approcci più classici.

L’approccio al problema

Vuoi costruire una vera relazione con il tuo prospect e capire i suoi bisogni? Questo tipo di nota è per te: “Ciao {{nome}}, ho visto che eri in {{settore}} o ho visto che eri {{titolo}}. Sto cercando di capire le esigenze del settore per proporre una soluzione adeguata. Quali pensi che siano le tre questioni più importanti in {{topic}}? Non vedo l’ora di discuterne con voi” che può dare: “Ciao John, ho visto che eri nel marketing. Sto cercando di capire i bisogni del settore per proporre una soluzione di lead generation. Secondo lei, quali sono le 3 difficoltà più importanti per trovare clienti B2B su internet? »

L’approccio richiede consulenza o esperienza

Ideale se hai un blog, questo approccio è 2 in 1 : generare lead e accumulare contenuti per distribuirli in seguito. L’idea è quella di chiedere consigli su un argomento e offrire visibilità/backlink inviando al tuo sito. “Ciao {{nome}}, sto scrivendo un articolo su {{argomento}} e sto cercando il consiglio di un esperto. Come {{titolo}}, che consiglio avresti da dare per {{domanda}}? Il link al sito: Non vedo l’ora di sentirti. “Cosa può dare: Ciao John, sto scrivendo un articolo sul burnout e sto cercando di incorporare consigli di persone che stanno affrontando questo problema. Come manager, quali consigli darebbe per evitare il burn-out? Il link sul nostro sito: managercestdur.fr ” OR ” Ciao John, sto scrivendo un articolo sulla lead generation. Come Growth Hacker, quali consigli potrebbe dare sul settore BtoB? Se il consiglio è pertinente, potrei integrare il tuo nome nell’articolo e mettere un link al tuo sito. Ecco il link al nostro sito: https://prospectin.fr Non vedo l’ora di discuterne con voi “ Questi approcci sono solo esempi. L’idea di questo articolo è di darti delle idee per trovare i tuoi approcci originali adattati al tuo profilo, al tuo prodotto e al tuo target.


3 tecniche per personalizzare i tuoi messaggi automatici su LinkedIn

Per un potenziale cliente, ricevere un messaggio automatico su LinkedIn è un po’ spiacevole. A nessuno piace ricevere un messaggio standardizzato, che non è indirizzato a lui personalmente. Sentirsi uno tra tanti. Per definizione, automazione significa ridurre la personalizzazione per aumentare il volume. Ma non tutto è perduto! Ecco alcuni consigli per personalizzare i vostrimessaggi automatici su LinkedIn grazie a ProspectIn. 😜

1. Rivolgiti alle persone che hanno commentato un post

Tutti conoscono la tecnica: offro di ricevere un articolo in cambio di un commento su il mio post di LinkedIn e invio automaticamente il contenuto in questione grazie a un trigger di ProspectIn. È per questo caso d’uso che abbiamo sviluppato questa funzione. Ma ce n’è un altro, altrettanto rilevante: mirare ai profili delle persone che hanno commentato il post di qualcun altro. 👌🏻 L’interesse è abbastanza semplice: rimbalzare sul fatto che hanno commentato un post su LinkedIn per rendere l’approccio più umano.

A. Trovare i posti giusti

Ovviamente, non si tratta di prendere di mira tutte le persone che commentano i post. Hai bisogno di trovare persone che commentano le pubblicazioni relative al tuo settore o al bisogno a cui ti rivolgi. 2 strategie per trovare questi contenuti:

  • Conosci gli influencer del settore, le persone che parlano del tuo argomento. L’idea è che queste persone generino almeno 20 commenti per post per renderlo interessante. In questo caso, preparate una lista di persone da seguire che vi permetterà di alimentare le vostre campagne.
  • Non conosci nessun influencer sul tuo argomento. Nessun problema! LinkedIn permette a di cercare i post pubblicati su un hashtag. Elenca i pochi hastag che hanno senso per te e vedi chi ci posta sopra.

B. Crea le tue liste e prepara il tuo post

Una volta trovato il post LinkedIn in questione, è necessario impostare la campagna che riceverà il tuo prospetto qualificato. Si può naturalmente creare uno scenario o semplicemente inviare una richiesta di connessione. L’approccio può variare, ma l’obiettivo è quello di ottenere qualcosa come: “Ciao {{nome}}, ho visto il tuo commento sul post di XXX, su {{argomento del post}}. Sarei felice di parlarne con te. “O per esempio se raccogliete le persone che commentano un post per ottenere un articolo, potete condividere contenuti simili. 🔥 Nel mio caso per esempio, potrei raccogliere le persone che commentano per ottenere un articolo di Benoit Dubos, esperto in strategia di crescita e avvicinarle così: Ciao {{firstName}}, ho visto che eri interessato ad ottenere un articolo di Benoit sulle migliori pratiche nella lead generation. Abbiamo appena scritto un articolo sui 3 consigli per personalizzare i tuoi messaggi automatici su LinkedIn, potrebbe interessarti?Exemple message Prospection LinkedInMessaggi automatici per LinkedIn sì, ma non dimenticare la personalizzazione. L’obiettivo è quello di iniziare una discussione su questo argomento per parlare con lui dei suoi problemi con lead generation e per scoprire quale strumento usa o anche che scopre ProspectIn attraverso l’articolo in questione.

Diverse regole da rispettare

  • Se sai di cosa tratta il post, aggiungi alcune informazioni su di esso per rendere l’approccio più personalizzato e naturale.
  • Separa bene le tue campagne! Ti consiglio di creare almeno una campagna per influencer e cambiare i messaggi ogni volta. Non importa se ogni campagna contiene solo circa 50 profili. Vogliamo un targeting preciso per una migliore personalizzazione.

C. Recupera i profili che impegnano

L’obiettivo ora è quello di recuperare i profili LinkedIn delle persone che si impegnano su questo contenuto per popolare le tue campagne ProspectIn. ✏️ Ci sono diverse possibilità:

  • La pubblicazione è “giovane” (meno di 1h) e quindi ha ancora pochi commenti. Hai bisogno di creare un trigger su ProspectIn dall’url del post per recuperare automaticamente tutte le persone che commentano.
  • La pubblicazione è “vecchia”: la maggior parte dei commenti sono già stati inviati. Purtroppo ProspectIn non permette di recuperare le persone che hanno commentato in seguito. In questo caso, usa lo scrapper di commenti di Phantom Buster , con il quale otterrai una lista di url di LinkedIn da importare in ProspectIn (o contattali direttamente con Phantom Buster) o segui questo consiglio gratuito per recuperare i profili che commentano il tuo post.
  • Il post è “vecchio” e vuoi che recuperisolo le persone a cui piace : è possibile con ProspectIn. Anche se è molto meno rilevante per la personalizzazione dell’approccio, otterrete volumi maggiori di prospettive e comunque altamente qualificati.

Per scoprire come recuperare i profili che si impegnano su un post, segui il tutorial qui sotto.

D. Lanciare le tue campagne e raccogliere lead

Tutto quello che devi fare è importare i tuoi prospetti se hai recuperato una lista o inviarli automaticamente tramite un trigger nei tuoi scenari. Ovviamente questo è un po’ più noioso che esportare centinaia di profili da una ricerca. Ma non dimenticate: una buona lista di prospect è la base di qualsiasistrategia di prospezione. 🤝 Tuttavia, la qualificazione dei prospect “comportamentali”, cioè basati sull’azione di una persona (come commentare un post), è spesso più rilevante della qualificazione dei prospect “informativi”, cioè basati sulle informazioni fornite dall’utente stesso (come il titolo di una persona su LinkedIn). Siete pronti a lanciare la fase 1 dei vostri messaggi automatici su LinkedIn.

2. Prendi di mira le persone che parlano del tuo argomento

Anche se più utilizzati e promossi su Twitter o altri social network, gli hashtag esistono anche su LinkedIn. E questa è una manna dal cielo per noi! Infatti, è il trucco perfetto per mirare alle persone che parlano del tuo argomento e popolare automaticamente le tue campagne. Il trucco è molto semplice:

A. Trova i tuoi hashtag

Dipende dalla tua linea di business, naturalmente. L’idea è quella di trovare hashtag che corrispondono a soggetti specifici della tua attività. Una dozzina per iniziare è un buon numero. Per esempio, per noi sarebbe:

  • #crescita
  • #prospezione
  • #coldemailing
  • #growthhacking
  • #leadgeneration

Una volta trovati questi #hashtag, bisogna controllare se generano attività: non ha senso recuperare le persone che postano su di essi se ci sono due pubblicazioni all’anno. Tutto quello che devi fare è digitare l’hashtag in questione nella ricerca per parole chiave di LinkedIn. Otterrai tutti i post recenti su quell’hashtag. 😉 Due modi per scoprire se l’hashtag è attivo:

  • fare affidamento sul numero di iscritti all’hashtag (più sono meglio è, non ho un numero da proporre, dipende dalla tua nicchia).
  • filtrare per “Recenti” e guardare la frequenza. Con più di 10 post ogni 24 ore, è interessante.

Quindi, è necessario ottenere alcuni attivi hashtags LinkedIn che sarà la base per la prospezione in seguito.

B. Crea le tue campagne

L’obiettivo è ora per esportare automaticamente in ProspectIn tutte le persone che pubblicano su questo hashtag per prospettarle. 😎 La buona pratica è quella di creare una campagna mirata per hashtag, per mantenere distinte le liste di prospect e gli approcci. Poi crea la tua richiesta di invito su ProspectIn. L’idea è quella di rimbalzare sulla pubblicazione, quindi puoi provare un approccio come: “Ciao {{firstName}}, ho visto la tua pubblicazione #hashtag. Mi è piaciuto molto il post, quindi ho pensato che fosse interessante mettersi in contatto con te. “ Ci sono due grandi interessi in questo:

  1. Non è molto usato ed è ben personalizzato, quindi non sembra automatizzato.
  2. Si punta ai profili che pubblica su LinkedIn, quindi spesso profili attivi, a differenza del targeting da una classica ricerca su LinkedIn.

I vostri tassi di accettazione dovrebbero quindi essere interessanti. Puoi scegliere di creare uno scenario unico o una nota d’invito, come vuoi, e mettere il tuo approccio commerciale quando vuoi. Vi consiglio di farlo al primo promemoria e di preparare le vostre risposte registrate in Piwaa perché probabilmente avrete alti tassi di risposta (i prospect saranno quindi eliminati dallo scenario). réponses enregistrées LinkedInPiwaa ti permette di rispondere ai messaggi automatici su LinkedIn, con funzioni aggiuntive. Suggerimento bonus: usa uno scenario che includa un “follow” prima della richiesta di connessione per rendere ancora più credibile il tuo interesse per i contenuti della persona. 😉

C. Lancia la tua campagna autopilotata

Devi solo creare il trigger associato. Ricordati di usare le condizioni “Non connesso” e “non ancora nel CRM”. L’obiettivo è quello di stabilire nuovi contatti e non di riproporre persone già contattate.

D. Filtrare per lingua o paese (bonus)

Attenzione, gli hashtag non sono segmentati per paese e la maggior parte delle persone nel mondo usa gli hashtag in inglese. Si ha un’alta probabilità di sondare le persone in un’altra lingua. 🇬🇧 Questo è un grande limite di questa tecnica. I trigger, nella loro versione attuale, non permettono di aggiungere una condizione “Regione”, il che può essere un po’ problematico. C’è una soluzione che comporta un’azione manuale:

  • Invece di inviare i prospect direttamente in uno scenario, aggiungi un tag “To contact”.
  • Regolarmente (diciamo ogni giorno se possibile), accedi a ProspectIn, vai alle tue campagne e filtra per il tag “Da contattare”.
  • Aggiungete un filtro “La regione contiene” “il vostro paese” per ottenere prospettive nel vostro paese.
  • Fai attenzione, alcuni profili hanno solo la regione locale e non il paese, in questo caso otterrai molti meno risultati filtrando. Il metodo migliore è una scansione manuale selezionando tutti i profili che non corrispondono ai tuoi criteri. Potete poi inviarli a per inviarli a una campagna “Blacklist” per essere sicuri di non riproporli, o cancellarli dal CRM.
  • Tutto quello che devi fare è selezionare i profili rimanenti e inviarli nello scenario scelto.
  • Infine, de-tag i profili selezionati in modo da non doverli contattare di nuovo la prossima volta.

3. Rivolgiti a persone che si sono già interessate al tuo profilo

Potremmo anche dirvi subito che se non avete unaccount LinkedIn Premium o se il vostro profilo non interessa a nessuno, questo consiglio non fa per voi. ❌ La premessa di questa tecnica è la seguente: alcune persone visitano il vostro profilo ma non si mettono in contatto con voi. Tuttavia, li hai interessati in un modo o nell’altro da quando hanno consultato il tuo profilo. È un peccato perderli! Siamo più interessati al “personal branding (o marchio personale), che a una vera strategia di lead generation qui. Questa tecnica funziona benissimo se sei attivo su LinkedIn (pubblicazioni e commenti).

A. Crea la tua campagna

Come per l’uso dei trigger in generale, il primo passo è quello di creare la tua campagna. Raccomando una lista di prospetti dedicata. Poi scegli il tuo approccio: vuoi entrare in contatto e capire il motivo della sua visita o attaccare con la presentazione dei tuoi servizi. Personalmente, raccomando l’opzione 1 ma è più dispendiosa in termini di tempo perché otterrai migliori tassi di risposta. 👆

B. Crea la tua automazione

Di nuovo, create il vostro trigger ProspectIn. Qui, la scelta di “è già connesso” e “è già nel CRM” è abbastanza importante: scegliete sempre di escludere le persone che sono già connesse o presenti nel CRM. Volete rivolgervi a persone con cui siete già in contatto? Il rischio è che un comportamento automatizzato rispetto ad un altro approccio possa portare a cose assurde. Personalmente, non ve lo consiglio. Non è mai un bene per la tua immagine. 😅


Immagino che le tue dita stiano bruciando per l’attesa mentre scrivi i tuoi primi messaggi di prospezione. Sentitevi liberi di iniziare a scrivere le vostre idee per iniziare. L’inizio è imminente. 💥 Prima di tutto, ti diamo tutti i consigli per preparare le tue campagne. Abbiamo testato diversi metodi di prospezione per voi per sapere cosa fare e cosa non fare sulla rete Per aiutarvi a diventare maestri di LinkedIn, condividiamo con voi i piccoli segreti dei nostri studi 😉

Devo contattare i miei potenziali clienti con o senza una nota di invito su LinkedIn?

Lanota di invito su LinkedIn, per alcuni inutile, per altri indispensabile.. 🤔In questo articolo, facciamo il punto della situazione. Dovresti contattare i tuoi potenziali clienti con o senza una nota di invito su LinkedIn? Abbiamo confrontato diversi tassi di accettazione e vi offriamo uno studio esclusivo su più di 10.000 richieste di invito Note invitation linkedin

Il nostro caso di studio sulla LinkedIn Invitation Note

I conti utilizzati

Per questo caso di studio, abbiamo usato 4 diversi account LinkedIn per eseguire le nostre richieste di invito :

  • Un conto con un alto grado di anzianità.
  • Due conti con un grado di anzianità inferiore ma con un titolo più prestigioso (CEO/COO)
  • Infine, un account con un minor grado di anzianità e un titolo classico (Business Developer).

Persone interessate

Abbiamo mirato a 4 tipi di profili, l’unico ordinamento effettuato era sul titolo dei prospetti:

  • CEO (2500)
  • Sviluppatore aziendale (2500)
  • Le “vendite” (2500)
  • Il marketer digitale (2500)

I prospetti provenivano quindi da paesi di tutto il mondo, e le note erano inviate esclusivamente in inglese.

Metodo e obiettivi

In questo studio, abbiamo cercato di determinare l’importanza deltipo di nota inviata sul tasso di accettazione. Abbiamo supposto che il contenuto della nota avesse poca influenza sul tasso di accettazione. Abbiamo classificato le diverse note inviate in 5 categorie:

  • Nota vuota (nessuna nota viene inviata con l’invito)
  • Inviare una nota non personalizzata: Salve, vorrei unirmi alla vostra rete
  • Una nota personalizzata: Ciao {{nome}}, vorrei unirmi alla vostra rete”
  • Inviare una nota completa senza link: Ciao {{nome}}, mi sto chiedendo se stai generando Leads via LinkedIn. Se questo è il caso, sarei interessato a unirmi alla vostra rete e a fare una chiacchierata in merito. Buona giornata! »
  • Invia una nota completa con il link: Ciao {{firstname}}, mi sto chiedendo se hai mai pensato di promuovere il tuo marchio o generare lead attraverso LinkedIn. Abbiamo creato uno strumento che automatizza questo processo senza rischi. Se siete curiosi, troverete maggiori informazioni sul nostro sito web: https://www.prospectin.link/gw/bt-1 Buona giornata! »

Le persone così come l’invio delle richieste sono state distribuite equamente tra i diversi conti e con le diverse note. Ogni nota è stata quindi inviata 500 volte con i 4 account, nelle stesse proporzioni per ogni persona.

Risultati e analisi del nostro studio

Cifre

Su 2.000 richieste per ogni nota, i risultati sono i seguenti:

  • Una nota vuota: 38%
  • Nota non personalizzata: 36
  • Personalizzato: 33% 33
  • Nota completa senza link: 32%
  • Completo di link: 26

Allora, biglietto d’invito su LinkedIn o no?

La conclusione più ovvia è che se il tuo obiettivo è massimizzare il tuo tasso di accettazione per espandere la tua rete, è meglionon inviare una nota con la tua richiesta di invito. La seconda conclusione è che non sembra esserci una differenza significativa tra l’invio di una nota personalizzata con il nome o meno. La terza conclusione è che l’invio di un link al tuo sito web non appena la nota viene aggiuntaabbassa il tuo tasso di accettazione significativamente rispetto all’invio di un messaggio simile senza un link. Quarta e ultima conclusione: l’invio di una nota o meno e il contenuto della nota influenza notevolmente il tasso di accettazione della richiesta di connessione (46% di differenza tra il tasso di accettazione dell’invio di una richiesta di connessione senza una nota e l’invio di una nota completa con un link a un sito web).

I limiti del nostro studio

È importante indicare i limiti di questo studio. In effetti, questo studio si occupa solo deltasso di accettazione e quindi ignora completamente iltasso di trasformazione . Nel caso in cui stiate cercando un prospect su LinkedIn, questo non è trascurabile. Avrai certamente un tasso di accettazione più basso usando una nota di presentazione del tuo prodotto o servizio rispetto a una richiesta di invito senza nota; ma le persone che ti hanno accettato saranno più inclini ad ascoltare la tua proposta. Inoltre, queste cifre sono state osservate in condizioni specifiche grazie al nostro strumento ProspectIn. È possibile che le stesse persone mirate con diversi account LinkedIn abbiano dato risultati diversi. Lo stesso vale per le personas. Se avessimo mirato a una diversa tipologia di profilo con i nostri account, avremmo potuto avere risultati diversi.

Visitare o seguire un profilo aumenta il tasso di accettazione delle mie richieste di invito su LinkedIn?

Chiunque cerchi di massimizzare il tasso di accettazione di una richiesta di connessione su LinkedIn si è già posto la domanda: è necessario fare una visita al profilo o un follow-up del profilo prima di inviare una richiesta di connessione?🧐 Può sembrare vantaggioso visitare o seguire il tuo prospect prima di contattarlo, ma che dire in realtà? Cosa dicono i numeri? Possiamo dirvi tutto questo grazie al nostro studio basato su quasi 10 milioni di richieste di connessione💥
Quando si cerca su LinkedIn utilizzando strumenti di automazione come ProspectIn, si invia un gran numero di richieste di connessione. Da un lato, per poter inviare le vostre sequenze di messaggi, è imperativo essere connessi con i vostri potenziali clienti. Pertanto, devono accettare la vostra richiesta di connessione. Cat Please GIF by swerk - Find & Share on GIPHY D’altra parte, per preservare il vostro account LinkedIn, non potete superare un certo numero di quote di invio di azioni giornaliere (circa 100 per le richieste di connessione). Per raggiungere un numero massimo di persone, la tua unica leva è quindi il tasso di accettazione della tua richiesta di connessione, cioè il numero di persone che accettano la tua richiesta di connessione diviso il numero totale di richieste inviate.

Come potete vedere, è importante adattare questi casi di studio in base a ciò che state cercando. Ponetevi la domanda: qual è il mio scopo quando invio messaggi di prospezione? La vostra strategia d’attacco deriverà dal vostro obiettivo. 🎯 Tieni a mente queste informazioni, saranno presto utilizzate per personalizzare gli approcci. Ora, ho un’altra domanda da farvi: siete più di quelli che vogliono spiare i loro potenziali clienti prima di contattarli, o siete più di quelli che vanno all’attacco bendati? No, non parleremo di un test di personalità, ma della caratteristica di LinkedIn

È necessario seguire o visitare il profilo prima di inviare una richiesta di connessione su LinkedIn?

Visita del profilo

Quando si invia una richiesta di connessione su LinkedIn manualmente, la maggior parte delle volte si va al profilo della persona prima di inviare la richiesta. D’altra parte, quando si utilizza uno strumento di automazione, è possibile inviare la richiesta di connessione direttamente, senza passare attraverso il profilo. Con la funzione “scenario” di ProspectIn, tuttavia, potete decidere di visitare il profilo prima di inviare una richiesta di invito. Mad I See You GIF Quando visitate il profilo di un utente di LinkedIn, l’utente riceverà una piccola notifica che avete visitato il suo profilo(se questa persona non ha un abbonamento premium a LinkedIn, tuttavia, solo alcuni profili si distingueranno per aver visitato il profilo).Questo ha 3 conseguenze:
  • Il tuo approccio sembra più naturale perché è più vicino al comportamento umano,
  • Quando la persona ha un abbonamento premium, vede che hai visitato il suo profilo. Non sarai quindi più un estraneo quando invii una richiesta di accesso a questa persona.
  • Se la persona vede che hai visitato il suo profilo, potrebbe aver bisogno di inviarti una richiesta di login prima che tu gliene invii una.
D’altra parte, se la persona non ha un abbonamento premium a LinkedIn, non vedrà necessariamente che avete visitato il suo profilo.

Monitoraggio del profilo

Il tracking del profilo è un’azione leggermente meno “naturale” della visita del profilo quando si usa LinkedIn senza automazione. Corrisponde a questo pulsante, proprio qui: Tracciare una persona ha anche 3 conseguenze:
  • Anche se non sei (ancora) connesso con questa persona, vedrai l’attività di questa persona apparire nel tuo News Feed(post pubblicati, commenti fatti su altri post, condivisione di post, ecc.)
  • A differenza della visita al profilo, la persona che stai seguendo riceverà sistematicamente una notifica che hai seguito il suo profilo.
  • Quando la persona vede che la stai seguendo, potrebbe essere tentata di inviarti una richiesta di accesso prima che tu gliene invii una.
Dati questi fattori, sembra abbastanza probabile che visitare o seguire il profilo di un potenziale cliente prima di inviare una richiesta di connessione aumenterà il tasso di accettazione.

Cosa devo fare per ottenere un alto tasso di accettazione su LinkedIn?

Gli scenari ProspectIn ti permettono di mettere in sequenza azioni come la visita del profilo, il follow-up del profilo, la richiesta di connessione e il messaggio. Alcuni di voi potrebbero quindi essere tentati di andare per il “meglio dei due mondi”utilizzando uno scenario con sia una fase di visita del profilo che una fase di follow-up del profilo prima della richiesta di connessione, come lo scenario “Homeland”. Bene, questo scenario, sebbene sia uno dei più performanti, non è il migliore, con un tasso di accettazione del 29,41%.

Quindi qual è lo scenario più performante?

È lo scenario “Dexter”, che offre solo una visita al profilo prima della richiesta di connessione, con un tasso di accettazione del 30,20%

Cosa succede se voglio inviare una richiesta d’invito senza passare attraverso una visita al profilo o una fase di follow-up del profilo?

Questo vi costerà quasi 2 punti nel tasso di conversione. Questo è significativo se si considera il numero di inviti inviati.🤪 Infatti, lo scenario più efficiente senza visita o follow-up è il classico scenario “Breaking Bad”, con un tasso di accettazione del 28,88%

Quindi, alla fine, questo non cambia fondamentalmente la situazione, vero?

Quando si cerca di ottimizzare un tasso di trasformazione (o “accettazione”), una variazione di 1,5 punti è significativa, poiché i volumi delle spedizioni sono spesso molto grandi. Ma va anche sottolineato che gli scenari che comportano un follow-up e/o una visita possono anche portare la persona ad aggiungervi direttamente, prima di inviare la richiesta di connessione, questo non si riflette direttamente nel tasso di accettazione, ma vi connetterete con più dei vostri potenziali clienti.👆 Se volete massimizzare il vostro tasso di accettazione alle vostre richieste di connessione su LinkedIn, sapete cosa dovete fare 😉

Allora, cosa ne pensate? Siete pronti ad essere future spie? Sappiamo che hai avuto una lunga settimana. Così abbiamo risparmiato il tuo cervello con alcuni contenuti piuttosto semplici finora Non preoccupatevi, la liberazione è a portata di mano Ma per farlo, è il momento di salire di livello, giovane padawan. Tenetevi forte, abbiamo preparato uno studio esplosivo per voi. Sarà un viaggio accidentato. :exploding_head::exploding_head::exploding_head:🤠

Come ottimizzare la tua ricerca su LinkedIn: cosa dicono i numeri [studio statistico]

Gli uomini mentono, ma i numeri no. Grazie ai dati degli utenti, ProspectIn ha permesso di sollevare il velo sulle migliori tecniche di ottimizzazione per la prospezione su LinkedIn. Quali titoli di profilo convertono meglio? Quale dimensione del messaggio ottiene il miglior tasso di risposta? Quanti messaggi di follow-up inviare per massimizzare le sue possibilità?

Va bene, non è molto obiettivo. Ma la crescita impressionante di ProspectIn è in gran parte dovuta alla sua capacità di risolvere un problema relativamente complesso: come automatizzare la prospezione su LinkedIn in modo semplice, proteggendo la sicurezza dell’account LinkedIn. ProspectIn permette quindi di automatizzare la prospezione suLinkedIn in modo semplice, grazie alla funzionalità degli scenari. Questa funzione chiave di ProspectIn ti permette di inviare sequenze di azioni come la visita al profilo, il follow-up del profilo, la richiesta di connessione o il messaggio. Scénario pour LinkedIn avec ProspectIn Queste sequenze sono l’equivalente delle sequenze di email transazionali che puoi impostare con la maggior parte degli strumenti di emailing ma con risultati molto migliori in termini di tasso di apertura e tasso di risposta. Solo per renderti consapevole: quando si tratta di email, un tasso di apertura del 25% è considerato un buon tasso di apertura, e se superi il 5% di risposta, è un tasso eccezionale. Con una sequenza di automazione su LinkedIn, ci si può aspettare un tasso di apertura di oltre l’80% e un tasso di risposta del 30%. Il successo di ProspectIn è quindi fortemente legato al successo della sua funzionalità di scenario. Questo successo ci ha permesso di passare da 0 a oltre 30.000 utenti in poco più di un anno. E oggi, grazie ai dati generati da milioni di messaggi di prospezione, siamo in grado di presentarvi risultati senza precedenti in termini diottimizzazione della prospezione su LinkedIn.

Perché dovrei ottimizzare la mia ricerca su LinkedIn?

Quando si è impegnati nella prospezione digitale, o nell’acquisizione di clienti in generale, sia via e-mail, via LinkedIn o attraverso l’uso della pubblicità (annunci Google, annunci Facebook, ecc.). Si agisce su un volume molto grande di dati. Per le campagne di emailing, stiamo parlando di migliaia, decine di migliaia, anche centinaia di migliaia di email inviate. Nel caso delle campagne di prospezione su LinkedIn, realizzerete azioni su migliaia di prospetti, a volte anche decine di migliaia. E infine, nel caso di annunci come quelli di Facebook e di Google, sono spesso in gioco milioni di interazioni. Quando cercate di ottimizzare le vostre campagne, per esempio usando il test A/B, a volte guadagnerete solo 1 o 2 punti nel vostro tasso di trasformazione o tasso di risposta, ma quando moltiplicate questo per l’enorme massa di invii, migliorate significativamente i vostri risultati finali. Per esempio, se dopo aver fatto dei test A/B sui tuoi messaggi di prospezione, ti accorgi che un messaggio con un tasso di risposta di 2 punti più alto di un altro, questo corrisponde a 400 risposte in più da elaborare su un campione di 20.000 invii: è semplicemente ENORME! Dovresti anche sapere che un potenziale cliente non può essere contattato un numero infinito di volte (beh, puoi, ma si chiama molestia ed è vietato😅). Tuttavia, le basi di contatto non sono illimitate e cercare di ottimizzare le conversioni deve essere una preoccupazione per ogni marketer, venditore o chiunque cerchi di trovare clienti.

Come posso ottimizzare la mia ricerca su LinkedIn?

Ci sono diversi modi perottimizzare la tua prospezione. Su LinkedIn, la prima cosa da tenere a mente è che il tuo profilo è il primo punto di contatto per il tuo potenziale cliente. Pensalo come l’equivalente del tuo sito vetrina, o del tuo sito web. Profil optimisé sur LinkedIn Una volta che il tuo profilo è curato, possiamo passare agli affari. Quando parliamo di ottimizzazione possiamo distinguere tra elementi che sono statisticamente misurabili su una scala di diverse migliaia di persone, ed elementi che non sono misurabili. Qui ci occuperemo solo degli elementi statisticamente misurabili. Un esempio di un elemento statisticamente non misurabile è la qualità del tuo copywriting (la tua capacità di scrivere per vendere, in francese😁) È abbastanza possibile misurare ciò che funziona meglio tra inviare o non inviare una nota per ottimizzare il tuo tasso di accettazione alla tua richiesta di connessione LinkedIn. Basta prendere i tassi di accettazione degli inviti con una nota e i tassi di accettazione degli inviti senza nota e confrontare i due. È impossibile misurare quantitativamente la qualità del tuo copywriting perché ogni messaggio di approccio è diverso. Al massimo, si possono studiare i modelli, come la dimensione dei messaggi. Se vuoi sapere come ottimizzare il tuo copywriting, questo è il posto dove andare.

1.Quali titoli di profilo si trasformano meglio?

Ipotesi

Nella prospezione su LinkedIn, uno dei primi elementi che appare subito dopo il vostro nome e cognome è il vostro “titolo”, cioè la vostra posizione, il vostro status. Sembra quindi ragionevole pensare che il titolo possainfluenzare la performance nella prospezione, sia in termini di tasso di accettazione delle richieste di connessione che di tasso di risposta ai messaggi. Abbiamo quindi analizzato un certo numero di titoli che si trovavano molto spesso nei profili delle persone che si candidano, per determinare se certi profili si sono comportati meglio.

Risultati

I titoli analizzati erano i seguenti:
  • “Direttore”,
  • “Fondatore,
  • “Consulente”,
  • “Sviluppatore di affari”,
  • “Sporco”,
  • “AMMINISTRATORE DELEGATO”
  • “Partner”,
Tutti i messaggi inviati da persone con questo titolo rappresentano 1/3 di tutti i messaggi inviati con ProspectIn, quindi i volumi rappresentati sono estremamente rappresentativi.
Per quanto riguarda il tasso di accettazione delle richieste di connessione, i risultati sono i seguenti:
  • “Direttore: 33,47%,
  • “Fondatore” 34,91%,
  • “Consulente” 35,74%,
  • “Business Developer 34,85%,
  • “Vendite” 30,39%,
  • “CEO” 35,99%,
  • “Partner” 34,10%.
Il CEO è il profilo che ha il più alto tasso di accettazione delle richieste di connessione, mentre Sales è il profilo (tra quelli) con il più basso tasso di accettazione.
Ma che dire del tasso di risposta ai messaggi?
  • “Direttore: 19,26%,
  • “Fondatore” 19,73%,
  • “Consulente” 22,47%,
  • “Business Developer 19,53%,
  • “Vendite” 22,95%,
  • “CEO” 20,71%,
  • “Partner” 21,83%.
Per i tassi di risposta, l’equilibrio di potere è invertito! Infatti, le vendite sono i profili che ottengono più risposte, mentre il CEO è solo a metà della tabella.
E come si comportano questi profili rispetto a tutti i profili?
Alcuni profili sono sopra la media e altri sotto! Infatti il tasso medio di accettazione delle richieste di connessione è del 34,03%. I profili “Director” e “Sales” sono quindi sotto la media, mentre i profili “Founder”, “Consultant”, “Business Developer”, “CEO” e “Partner” sono sopra la media. Il tasso medio di risposta ai messaggi per tutti i profili è del 21,62%. I profili Director, Founder, Business Developer e CEO sono quindi sotto la media, mentre i profili Consultant, Sales e Partner sono sopra la media.

Cosa possiamo dedurre da questo?

Prima di andare avanti, un terzo elemento di performance deve essere specificato: il tasso di risposta ai messaggi su uno scenario di prospezione del tipo “richiesta di connessione” + “messaggio”. Corrisponde al numero di risposte che ci si può aspettare su uno scenario di prospezione con potenziali clienti con i quali non si è connessi su LinkedIn. Per calcolarlo, basta moltiplicare il tasso di accettazione delle richieste di connessione per il tasso di risposta dei messaggi. Questo dà i seguenti risultati:
  • “Direttore: 6,45%,
  • “Fondatore” 6,89%,
  • “Consulente” 8,03%,
  • “Business Developer 6,81%,
  • “Vendite” 6,97%,
  • “CEO” 7,37%,
  • “Partner” 7,44%.
Con questo indicatore di performance, è il profilo “Consulente” che si distingue come il migliore, mentre il profilo “Direttore” è il peggiore della lista. Abbiamo quindi 3 indicatori di performance qui, ognuno dei quali misura una performance diversa. Dovremo quindi guardare diversi indicatori a seconda del caso d’uso. Per esempio, se l’obiettivo è semplicemente quello di accumulare un numero massimo di connessioni su LinkedIn, senza alcuna logica di prospezione in seguito, l’indicatore che ci interesserà sarà il tasso di accettazione delle richieste di connessione. In questo caso, il profilo “CEO” sarà il profilo più performante. Se voglio realizzare una campagna di messaggi su LinkedIn su persone con le quali sono già connesso, e voglio massimizzare il mio tasso di risposta, è il tasso di risposta ai messaggi che mi interesserà. In questo caso, il profilo “Vendite” sarà il più efficiente. Infine, se voglio condurre campagne di prospezione con uno scenario come quello di ProspectIn “Breaking Bad” e voglio massimizzare il mio tasso di conversione, il profilo “Consultant” sarà il più adatto.

Confini :

Me lo dirai tu:
Va bene, tutto quello che devo fare è cambiare il mio titolo per migliorare drasticamente le mie prestazioni di prospezione. Se voglio massimizzare il mio tasso di accettazione uso il titolo di CEO, poi quando voglio convertire i miei prospect attraverso l’invio di un messaggio cambierò il mio profilo in Sales!
« In statistica non dobbiamo mai dimenticare che la correlazione non significa causalità. Mentre la propensione del profilo “CEO” a far accettare la sua richiesta di connessione può effettivamente essere spiegata dall’attrazione di avere un profilo “CEO” nella sua rete, la capacità del profilo “Sales” di ottenere risposte ai suoi messaggi può essere spiegata più dalla sua capacità di vendere, di suscitare interesse, piuttosto che avere semplicemente il titolo di “Sales”. Se questo è il caso, inviare semplicemente lo stesso messaggio cambiando il titolo da “CEO” a “Sales” non migliorerà le tue prestazioni in termini di tassi di risposta, è meglio concentrarsi sul miglioramento del tuo copywriting. Allo stesso modo, la capacità del profilo “Consulente” di performare bene in uno scenario di prospezione su LinkedIn può essere spiegata più dalla sua competenza su un argomento specifico, piuttosto che dal significato del suo titolo per i potenziali clienti.

2. Quale dimensione del messaggio ottiene il miglior tasso di risposta?

Ipotesi

Sei indeciso tra scrivere un messaggio esteso che ti permetta di dettagliare tutta la tua offerta nel modo più dettagliato possibile o scrivere un paragrafo breve e incisivo che ti permetta di suscitare la curiosità del tuo potenziale cliente? Dopo aver letto questo paragrafo, non esiterai più. Il cervello umano analizza in meno di un secondo se il tuo messaggio sarà interessante o meno. I tuoi potenziali clienti non hanno tempo di leggere un messaggio troppo lungo. Siamo generalmente a favore del minimo sforzo, e la vista di un messaggio di diverse migliaia di caratteri ci scoraggia notevolmente. Sembra quindi legittimo pensare che un messaggio breve massimizzerà il tasso di risposta rispetto a un messaggio più lungo. Come abbiamo già detto nel nostro articolo sul copywriting, quando si tratta di vendere o convincere, un messaggio breve e d’impatto con una chiara chiamata all’azione è molto più efficace di un opuscolo illeggibile di 1000 parole. Ma ora abbiamo i numeri per provarlo. I risultati sono indiscutibili.

Risultati

Abbiamo categorizzato quasi 6 milioni di messaggi inviati in 4 tipi di messaggi (sì, 6 milioni😁):
  • Messaggi di meno di 300 caratteri,
  • Messaggi tra 300 e 500 caratteri,
  • Messaggi tra 500 e 1000 caratteri,
  • Messaggi più lunghi di 1000 caratteri.
Abbiamo poi analizzato i tassi di risposta per ciascuna di queste tipologie di messaggi:
  • Messaggi di meno di 300 caratteri: 29,35%,
  • Messaggi tra 300 e 500 caratteri: 21,08%,
  • Messaggi tra 500 e 1000 caratteri: 18,97%,
  • Messaggi più lunghi di 1000 caratteri: 16,79%.

Conclusione

I messaggi di meno di 300 caratteri hanno un tasso di risposta quasi doppio rispetto ai messaggi di più di 1000 caratteri, è semplicemente ENORME! I messaggi sotto i 300 caratteri sono il 35% meglio della media. ENORME! La conclusione è definitiva. Se vuoi massimizzare il tasso di risposta ai tuoi messaggi, sai cosa devi fare. Prendi il tuo messaggio di prospezione e dividilo per due. O per tre. 300 caratteri non sono molti, credetemi. Devi arrivare al punto. Aspettate. Proposta di valore. Chiamata all’azione.

3. Quanti messaggi di promemoria inviare per massimizzare le tue possibilità?

Ipotesi

Avete spesso sentito dire “il potenziale cliente risponde in media dopo 6 solleciti” o “dovete tormentare i vostri potenziali clienti per farli rispondere”. Ma in realtà, in media, dopo quanti messaggi il tuo prospect risponderà? Cosa dicono le cifre? Sembra pertinente pensare che il tuo prospect non ti risponderà necessariamente appena riceve il tuo primo messaggio, ma è consigliabile inviare una sequenza di 6 messaggi?

Risultati

Del numero totale di risposte ottenute ai messaggi inviati con ProspectIn, la seguente è una ripartizione del numero di messaggi inviati:
  • 1 messaggio: 62,35%,
  • 2 messaggi: 89,64%,
  • 3 messaggi: 97,02%,
  • 4 messaggi: 99,07%,
  • 5 messaggi e più: 99,78%.
La stragrande maggioranza delle risposte si ottiene dopo aver inviato un solo messaggio. Infatti, il 62,35% delle risposte sono state ottenute dopo l’invio di un solo messaggio. Quando viene aggiunto un messaggio, è stato ottenuto l’89,64% delle risposte.

Conclusione

Quello che bisogna ricordare da queste cifre è che il 97% delle risposte si ottiene dopo aver inviato 3 messaggi o meno. Sembra logico che più messaggi invii al tuo potenziale cliente, più è probabile che risponda. Ma la domanda giusta da fare è: voglio che il mio prospect mi risponda a tutti i costi, indipendentemente dal contenuto della sua risposta? Infatti, è molto probabile che se un prospect non ti ha risposto dopo 3 messaggi, la sua risposta dopo il 4° messaggio sarà sprezzante… Ed è essenziale mantenere sempre un buon rapporto con i tuoi prospect, anche se non sono (per il momento) interessati a ciò che hai da offrire. A ProspectIn, non sosteniamo le molestie. Devi trovare un buon equilibrio tra un tasso di risposta interessante e una prospezione “etica” che eviti di farsi dei nemici e di danneggiare la tua reputazione. La nostra raccomandazione: non superare mai i 2 messaggi di follow-up dopo il tuo primo messaggio. Idealmente, dovresti anche preferire un singolo messaggio di promemoria dopo il tuo messaggio iniziale. Otterrai comunque un numero molto interessante di risposte, ed eviterai di alienare i tuoi potenziali clienti. Per esempio, puoi usare lo scenario “Charmed”, che ti permette di parlare di nuovo con il tuo prospect se lui o lei non ha risposto e/o non ha visto il tuo messaggio

4. È necessario inviare una richiesta di invito su LinkedIn con o senza una nota per massimizzare il tasso di accettazione?

Ipotesi

Poco meno di un anno fa abbiamo spiegato che era meglio inviare la tua richiesta di invito senza una nota se volevi massimizzare il tasso di accettazione delle tue richieste di connessione su LinkedIn. I risultati di questo studio potrebbero sembrare controintuitivi. Infatti, l’invio di una nota personalizzata dovrebbe aiutare a massimizzare il tasso di accettazione. Questo studio si è basato su più di 10.000 invii. Quasi un anno dopo, possiamo completare questo studio con cifre molto più… importanti.

Risultati

Questa volta, lo studio non si basa più su 10.000 spedizioni ma su… più di 20 milioni. Sì, avete letto bene: 20 milioni. Quindi i risultati sono significativi.😁 E i risultati sono in linea con il nostro studio di un anno fa: se l’obiettivo è quello di massimizzare il tasso di accettazione delle vostre richieste di connessione, è meglio inviare una richiesta di connessione senza una nota.
  • Tasso di accettazione della richiesta di connessione senza nota: 36,99%,
  • Tasso di accettazione della richiesta di connessione con nota: 33,36%.

Conclusione e limitazioni

Se vuoi solo massimizzare il tasso di accettazione delle tue richieste di connessione, sembra che sia meglio inviare una richiesta di connessione senza una nota. Ma quando si tratta di prospezione, il significato può essere diverso. Quando scegli di inviare la tua offerta o il tuo servizio non appena ricevi la nota di accesso, il tuo tasso di accettazione sarà più basso, ma le persone che ti accettano potrebbero essere più interessate alla tua offerta quando ricevono il tuo messaggio di prospezione. Sfortunatamente, non abbiamo questa informazione in questo momento. Inoltre, il tasso di accettazione più basso per la richiesta di connessione con una nota rispetto alla richiesta di connessione senza una nota può essere spiegato dal fatto che le persone che ricevono una richiesta di connessione con un messaggio di prospezione preferiscono non accettare la richiesta per paura di essere successivamente prospettati. È possibile che una richiesta di connessione con una nota che non ha lo scopo di promuovere un prodotto o un servizio, ma è ruotata per massimizzare il tasso di accettazione, possa risultare in un tasso di accettazione più alto di una richiesta di connessione senza una nota. Anche questo non è un dato che abbiamo attualmente
Congratulazioni per la sua tenacia. Se siete arrivati a leggere queste righe, avete già fatto grandi progressi nel vostro apprendimento. È la concentrazione che fa i migliori guerrieri. 💪 Quindi sei pronto a scoprire un nuovo trucco magico su LinkedIn È piuttosto difficile sapere se stai parlando con le signore o con le donzelle della rete. A prima vista, non c’è nulla che ti aiuti a identificare il genere su LinkedIn Ma la spia in erba che è in te sta per evolversi, Druido sarai, e il tipo lo scoprirai

Come si usa Mr o Mrs in un messaggio automatico su LinkedIn?

Questa è una domanda che sorge spesso tra i nostri utenti. Come si usa Mr. o Mrs. in un messaggio automatico su LinkedIn? Perché inserire solo il nome sembra molto automatizzato (anche un po’ strano) e usare il nome di battesimo un po’ troppo “ragazzo ragazzo”, su una rete che rimane professionale. Siamo diretti: non esiste un metodo per farlo in modo automatico al 100%. Ma ci sono due possibilità, più o meno pratiche ed efficienti che vi presenterò👌🏻

Ricordate, quando avete creato il vostro account LinkedIn. Lo so, probabilmente è un po’ datato per alcune persone. Non ti è mai stato chiesto se eri un uomo o una donna. Beh, LinkedIn non chiede questa informazione ai suoi utenti. Risultato: questa informazione non è disponibile sui profili. Tuttavia, tutti gli strumenti di automazione basati su LinkedIn recuperano i dati dai profili. Quindi, se LinkedIn non ha le informazioni, non le abbiamo neanche noi! Ma allora come possiamo farlo?😅

La soluzione manuale per recuperare il genere su LinkedIn

È la soluzione più economica ed efficiente. D’altra parte, richiede alcune azioni manuali, ma quando è ben eseguito è abbastanza veloce. Esporteremo un elenco di potenziali clienti da una ricerca direttamente in ProspectIn. Una volta nella lista, dobbiamo scorrere i profili e, in base alla foto e al nome, assegnare loro un tag. Diciamo che prima proviamo a separare gli uomini (se le foto non appaiono nella tua lista, vai alla pagina delle impostazioni e attiva l’opzione).
  1. Seleziona ogni profilo che appare come uomo nella pagina della campagna,
  2. In fondo alla pagina, dai a tutti loro un tag “uomo”,
  3. Ripetere l’operazione pagina per pagina.
  4. Poi filtrare per “non-tag” “uomo”
  5. Seleziona tutti i risultati e dai loro il tag “donna”,
  6. Duplica il tuo messaggio, uno con Mr. e uno con Ms. (duplica anche gli scenari se questa è la funzione che stai usando),
  7. Filtra per tag “Uomo”, seleziona tutti i profili e invia al tuo messaggio con M
  8. Fai lo stesso con il tag “Donna”.
Semplice, efficace ma richiede diverse operazioni manuali. Per fortuna (o no, c’è una soluzione automatica).🙃

La soluzione automatica per recuperare il genere su LinkedIn

1. Usare l’API di genere

Gender-api.com è un sito che permette di sapere la probabilità in relazione a un nome, se la persona è un uomo o una donna. Il metodo che vi presento qui è abbastanza dispendioso in termini di tempo quindi interessante solo se avete diverse centinaia di prospettive. Gender-API ti offre 500 ricerche di genere al mese. Un buon modo per elaborare i vostri database ad un costo inferiore.👌🏻 Andate direttamente sul loro sito e create un account.

2. Esportazione di profili in CSV

Vai alla campagna ProspectIn che vuoi elaborare. Ti consiglio di esportare i tuoi prospetti campagna per campagna per mantenere i dati separati. Se esportate tutti i prospetti in una volta sola, dovrete giocare con i dati excel alla fine per reimportare i dati separatamente(si può fare ma è più complicato ). Poiché il tipo di nome può variare da un paese all’altro, ti consiglio anche di separare le tue campagne per paese di prospezione se fai prospezione in diversi paesi. Infatti, LinkedIn non dà sempre il paese nell’informazione “Regione”. A volte c’è solo la città e sarà difficile per Gender-API fare la distinzione. Riceverai il file in pochi minuti sulla tua casella di posta elettronica.

3. Elaborare il file

Aprite il file in formato UTF-8 seguendo questo tutorial GIF (maggiori informazioni su questo tutorial). Si ottiene un file con nomi ben formattati e pieno di altri dati.🤪 Infatti solo 2 già presenti sono di nostro interesse: nomi e URL di LinkedIn. Se hai seguito il mio consiglio, hai esportato una campagna contenente un solo paese. Aggiungeremo una colonna “Paese” che completeremo con il paese in questione. Ora salva il file come “cartella di lavoro Excel” (Gender-API non accetta formati CSV…).

4. Importare il file in Gender-API

Dalla home page del tuo account gender-api, clicca su “CSV-upload”. Drag&drop per rilasciare il tuo file o sfogliare i tuoi documenti per recuperarlo. Scegli la colonna associata al nome e la colonna associata al paese. Convalidare. Gender-API dà risultati su un campione di 10 profili per verificare che sembri coerente. Così, avete il genere e la probabilità stimata per ogni profilo. Se ti va bene, convalida per ottenere il file completamente convertito.🤝 Ci vogliono pochi secondi per elaborare. Potete quindi recuperare il file con le seguenti colonne aggiunte:
  • ga_gender: maschio o femmina,
  • ga_accuracy: probabilità che il risultato proposto sia buono,
  • ga_samples: numero di esempi su cui gender_API ha basato il suo suggerimento.

5. Dividere il file CSV a metà

Per fare la separazione correttamente nelle nostre campagne ProspectIn (poiché solo gli URL di LinkedIn saranno presi in considerazione), dobbiamo separare il nostro file in Uomini e Donne per importarlo in due parti. Per prima cosa, ordinate il vostro file secondo la colonna “ga_gender”. In questo modo ottieni prima tutte le femmine e poi tutti i maschi. Taglia tutti i profili “femminili” e aggiungili in una nuova cartella. Salvali in formato CSV.

6. Cancella i profili precedenti e importa il tuo nuovo database

Cancella tutti i profili che hai esportato all’inizio in ProspectIn. Questo perché ProspectIn ha una funzione di sicurezza “anti-duplicazione” che ti impedirà di importarli di nuovo. Questo può richiedere 2-3 minuti a seconda delle dimensioni della tua campagna. Poi hai due opzioni:
  • Crea due campagne separate, una “maschile” e una “femminile”.
  • Usate i tag per distinguere le due cose.
Nel caso di due campagne separate, è molto semplice: importa il file con i profili femminili nella prima e i profili maschili nella seconda. Se scegliete l’opzione “tag” :
  • Importa prima i profili femminili.
  • Una volta che l’importazione è completa, seleziona l’intera campagna e assegnagli il tag “Donne”
  • Importazione di profili maschili
  • Filtra per ” non taggato ‘Donne’ “
  • Seleziona tutti i risultati e taggali “Men”
Etichettare i profili maschili non è obbligatorio, puoi lavorare per esclusione ma questa tecnica ti permetterà di ripetere l’operazione con altri profili in seguito.

7. Eseguite i vostri scenari “genrificati”

Questo è tutto! Non vi resta che distinguere i vostri approcci per genere, signor o signora, e i relativi accordi per i nostri amanti della lingua francese. Per questo niente di più semplice, copiate e incollate i vostri messaggi e specificate, per esempio:
  • Messaggio #1 M.
  • Messaggio #1 Mrs

8. (Bonus) Genere non definito e bassa probabilità

Gender-API potrebbe non essere in grado di determinare il genere per, ad esempio, nomi “originali”, o la probabilità è bassa per nomi a doppio genere (ad esempio, “Camille”). In questo caso, dipende da voi:
  • Puoi elaborarli manualmente guardando il loro profilo LinkedIn
  • e aggiornando il tuo file CSV prima di importarlo,
  • oppure si può considerare che sono tutti uomini o donne per difetto (ci saranno sicuramente delle perdite…)
  • o aggiungere una terza opzione “non generata”. In questo caso, ecco un approccio divertente che potete usare.
“Buongiorno, signore o signora. La contatto oggi senza poter specificare il suo sesso, perché l’originalità del suo nome non ha permesso al mio software di definire automaticamente se lei è un uomo o una donna. Ma ehi, sembra che la genrificazione non sia molto 2020. Non vedo l’ora di scambiare “😄

Spero che la teoria ti sia piaciuta, perché è il momento di passare agli affari. È il momento del caffè e di qualche minuto del tuo tempo oggi per lanciare la tua prima campagna. Apri il tuo ProspectIn CRM se non l’hai ancora fatto e segui i prossimi passi 🎯

Come posso iniziare con ProspectIn?

Ti stai chiedendo come iniziare con ProspectIn in modo facile e veloce? In questo breve articolo, ti mostrerò come lanciare la tua prima campagna di prospezione in soli 2 passi. Vedrai, è molto semplice😉

Im Ready Lets Go GIF by Leroy Patterson

Passo 1: Esportare le prospettive

Il primo passo quando si vuole lanciare una campagna di prospezione con ProspectIn è quello di esportare i lead da una ricerca su LinkedIn a ProspectIn. Se volete cercare marketer in Francia, fate semplicemente una ricerca “Marketeer” e “France” su LinkedIn. Per ottenere risultati più precisi, vi consigliamo vivamente di utilizzare il Sales Navigator. Per esportare i prospetti, si parte da una ricerca su LinkedIn:
Exporter des prospects avec ProspectIn
Non dimenticare di filtrare per “persone “. Potrai poi esportare i risultati della tua ricerca su ProspectIn, semplicemente cliccando sulla piccola icona in alto a destra del tuo schermo. Crea una campagna semplicemente cliccando su :
  • Creare una campagna,
  • Poi seleziona il numero di profili che vuoi esportare su ProspectIn,
  • Infine clicca su convalida.
Transfert de prospects LinkedIn vers prospectIn
Ecco, primo passo convalidato. Ve l’avevo detto che era un gioco da ragazzi, no?😜

Parte 2: Inviare la tua campagna

Ora che i tuoi potenziali clienti sono stati esportati nella campagna che hai creato in precedenza, è il momento di lanciare la tua prima campagna . Inizia aprendo il CRM di ProspectIn cliccando sul pulsante “CRM” nella piccola finestra di ProspectIn.
Si arriva quindi su questa pagina:
Clicca su “campagna” nel menu di sinistra. Una volta sulla pagina della campagna, cerca la campagna creata in precedenza. Troverai l’elenco dei prospetti che hai esportato. Clicca sulla scheda “scenario” sul lato destro dello schermo.
Clicca su “nuovo scenario”
Ora puoi scegliere il modello di scenario. Qui inizieremo con un semplice scenario con due passi:
  • Richiesta di connessione.
  • Messaggio.
Per farlo, selezionate lo scenario “Breaking Bad”:
Tutto quello che devi fare è impostare la tua nota di accesso e il tuo messaggio:
  • Basta cliccare sul passo del login,
  • Poi sul passo del messaggio.
Nota: se vuoi inviare una richiesta di connessione senza una nota, lascia semplicemente un messaggio vuoto. Nessuna nota sarà inviata con la vostra richiesta di connessione.
Configurer un scénario avec ProspectIn
Una volta che entrambi i passi sono completati, cambiano da arancione a verde. Ultimo passo: seleziona i potenziali clienti e lancia la tua campagna!

Siamo al penultimo stadio del tuo apprendistato. In questa parte vi accompagniamo nell’automazione di tutti i vostri compiti perfarvi risparmiare tempo per andare ad altre occupazioni e rilassarvi. Te lo sei guadagnato

 

Categories: Libro bianco

Tweet
Share
Share